Com\’è dura la professione!

8 gennaio 2008

Perché è importante usare standard aperti (ed essere contrari a OOXML)

Filed under: cosi' va il mondo,Microsoft,Open Source — lbell @ 23:26

La fine del supporto a certi tipi di “vecchi” formati di file decretata da Microsoft, fa riflettere sull’utilità di impiegare formati proprietari per memorizzare i documenti. In un altro blog leggo che decine di documenti religiosi e scolastici a causa di questa decisione rischiano di essere perduti perché fra qualche tempo non esisteranno più programmi in grado di leggerli, mentre gli atti più vecchi scritti su carta possono essere tranquillamente consultati.

L’accessibilità dei documenti elettronici memorizzati in formati proprietari, essendo molto spesso non nota la loro codifica, dipende dalla volontà della ditta che detiene l’ideazione di tali formati. Qualora la ditta fallisse o non avesse più convenienza ad aggiornare i programmi perché possano funzionare sui moderni sistemi operativi (tutti casi occorsi nella realtà), l’utente o l’autore di tali documenti troverebbe di fatto un ostacolo insormontabile tra sé ed i propri dati.

Cosa è successo in realtà? Che un’azienda, esercitando un suo legittimo diritto, ha deciso di togliere il supporto ad alcuni formati di file proprietari, di programmi non più funzionanti sugli odierni sistemi operativi. Lo ha fatto per la propria convenienza, citando come spiegazione ragioni di sicurezza, mediante la pubblicazione di aggiornamenti di manutenzione ai suoi programmi da ufficio. Per amor del vero devo dire che esiste una scappatoia, anche se complicata, per accedere ancora a tali formati, ma il danno maggiore lo si avrà fra qualche tempo, quando magari si avrà bisogno di consultare i documenti storici e non si saprà come.

In un mondo dove occorre lavoro ed impegno per essere continuamente competitivi, sprecare tempo e lavoro per poter di nuovo accedere ai vecchi documenti mi sembra una vergogna. Viviamo tempi in cui accadono cose straordinarie, da piccolo mai avrei pensato che potesse cadere il confine con la Slovenia nella concordia più totale o che la Cina potesse diventare la fabbrica del mondo, perché dobbiamo perdere tempo ed energie per capire come rileggere i documenti di cinque o dieci anni fa?

È facile ora consigliare di utilizzare standard aperti per la memorizzazione dei documenti, ma che alternative reali esistono per evitare di non potervi più accedere fra, diciamo, cinque anni? Tutti pensiamo di poter vivere almeno cinque anni ancora, vero? Altrimenti non perdereste tempo a leggere queste righe.

  1. Utilizzare il programma che va per la maggiore, non accontentarsi di nulla di meno, il secondo in classifica domani sarà reso obsoleto dalla nuova versione del sistema operativo o magari la ditta che lo produce sarà fallita o scalata. Ma nemmeno così sarete sicuri.

  2. Usare uno standard aperto, e per aperto non intendo aperto per finta come è stato fino ad oggi OOXML, ma un formato utilizzabile senza restrizioni né condizioni, OpenDocument, tanto per essere chiari.

Con un formato aperto sarà sempre possibile accedere ai propri dati.

Decidere di utilizzare o meno un formato aperto è di una scelta legittima, ma penso che almeno le associazioni e le pubbliche amministrazioni abbiano il dovere di utilizzare e pubblicare documenti in formati aperti.

L’uso di formati come OpenDocument, PDF ed HTML è una garanzia prima di tutto per l’utente.

Link:

http://www.tedcarnahan.com/2008/01/02/three-steps-to-open-source-in-the-church/

http://it.slashdot.org/firehose.pl?id=443210&op=view

http://support.microsoft.com/kb/938810/en-us

http://www.news.com/Office-2003-to-get-security-upgrade/2100-7355_3-6179672.html?tag=st.nl

http://www.consortiuminfo.org/standardsblog/index.php?topic=20051116124417686

http://www.noooxml.org/

http://en.wikipedia.org/wiki/Opendocument

http://www.fsf.org/campaigns/odf.html

 

 

 

 

1 commento »

  1. gran bel blog!🙂

    Commento di slY — 10 gennaio 2008 @ 15:55 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: