Com\’è dura la professione!

13 marzo 2011

In difesa della scuola pubblica italiana

Filed under: Uncategorized — lbell @ 22:00

Un politico influente, attualmente in crisi, ha cercato di ingraziarsi i propri sostenitori attaccando la scuola pubblica italiana.

Non si può tacere di fronte ad una cosa del genere; la convinzione che la scuola pubblica appartenga ad una parte politica e come tale vada combattuta, è preoccupante.

Per fortuna sabato si è tenuta una manifestazione in favore della scuola pubblica in diverse città italiane

Alla manifestazione cui ho assistito ho visto solo presone che sembravano appartenere alla categoria dei docenti e mi sono chiesto dove fossero gli altri e perché la cosa non interessasse tutti.

La vista dei professori che indossavano sulle spalle la bandiera italiana mi ha fatto ricordare di quando da piccolo vedevo i lavoratori vestire nello stesso modo la bandiera rossa, ed ho realizzato quanto abbiamo perso in questi anni se la bandiera nazionale è diventata solo uno stendardo di parte.

Ma solo ai docenti deve interessare questo argomento?

Fra i primi danneggiati da una scuola elitaria ci sono gli imprenditori che vedranno ridotto, ad esempio, il numero di ingegneri bravi e motivati tra cui reclutare i nuovi assunti dato che si restringerà la base di chi può permettersi di frequentare l’università. Saranno costretti a reclutare gli ingegneri all’estero, in Paesi (Cina, …) in cui comunque la formazione è delegata alla scuola pubblica.

L’idea della scuola pubblica sopravvisse perfino alla restaurazione sopraggiunta alla fine del periodo napoleonico, perché ci si accorse che è un valore.

La scuola pubblica è una conquista e non un danno per il Paese.

Blog su WordPress.com.